AED LIFELINE LA SICUREZZA NELLA DEFIBRILLAZIONE
HOME PAGE
HOME PAGE
Diventa nostro Fan

Estate Sicura

Download modulistica

Statistiche visite
Credits

 

International Maritime Rescue Federation

 


Informazioni turistiche sull'Isola d'Elba

TEST: KAYAK OUASSOU

Materiale testato: KAYAK DA MARE modello "Ouassou"
Produttore: Bic sport
Sito web: www.bicsportkayaks.com
Rivendtore: Punto vendita lo Scalo - Via Gazzol 32r - 16127 Genova Nervi
Tel./fax 010 3741326 cell. 333 4853440
Data prove: estate 2005 
Luogo prove: Spiaggia di Procchio (Isola d'Elba)
Staff tecnico: Mazzei Stefano (Istruttore S.N.S.) Maurizio Serini (Istruttore Kajak)


Sappiamo benissimo che le attrezzature e i mezzi di salvataggio possono in qualche modo essere paragonati alla cassetta degli attrezzi. Se devo stringere un bullone utlizzerò una chiave inglese, se invece devo fissare un chiodo userò un martello. Certo se la mia cassetta degli attrezzi non offrisse molta scelta, potrei provare anche ad utilizzare una chiave inglese per piantare un chiodo, oppure il martello per avvitare un bullone e probabilmente riuscirei a finire il lavoro, consapevole però d'incontrare mille difficoltà, impegnare molto tempo e con il rischio (quasi certo) di fare danno. Questo per dire che anche per i salvataggi in acqua non esiste un mezzo o un'attrezzatura "universale" come i coltellini svizzeri. Il Bagnino prima di affrontare un'operazione di soccorso, dovrebbe valutare i rischi e lo scenario, quindi scegliere se ne ha la possibilità, l'attrezzatura o il mezzo più idoneo alla situazione.

Anche nel campo del soccorso e salvataggio in acqua da qualche anno abbiamo potuto assistere ad un'evoluzione delle attrezzature: bay watch, salvagenti lineari, defibrillatore, moto d'acqua, giubbotti autogonfiabili ecc. i quali hanno sicuramente contribuito ad aumentare l'efficacia dei salvataggi e la sicurezza tra i bagnanti e soprattuto dei Bagnini. Poco chiaro rimane il loro riconoscimento secondo le normative vigenti (alias Ordinanze balneari) le quali non si sono certo adattate così velocemente al nuovo mondo del salvamento, lasciando come spesso accade con le Leggi italiane, libera interpretazione.... vedi l'articolo dell'Ordinanaza balneare dove si parla dell' "unità idonea a disimpegnare il servizio di salvataggio". Ma chi deve stabilire quali sono le caratteristiche che rendono idonea un'unità al salvataggio? il Bagnino? il Gestore? il Bagnante? il primo che passa? oppure un RINA, il Ministero dei Trasporti e della Navigazione o la stessa Capitaneria ?!

Bene, chiusa questa parentesi utile a introdurre l'utilizzo del Kayak come mezzo "idoneo" (lo scopriremo in seguito) di salvataggio, la nostra associazione ha deciso di provare il modello Ouassou della BIC, dopo averlo visto esposto alla Fiera Balnearia. Il piccolo Kayak ci ha subito ben impressionato per la forma compatta ottenuta da un'unica stampata, il peso ridotto, le due ampie maniglie a prua e a poppa, ma sopratutto per lo spazio della parte posteriore che può essere facilmente utilizzato come presa e appoggio da un bagnante stanco o in difficoltà. Per le prove in mare ci siamo avvalsi di Maurizio Serini, Istruttore di kayak e persona di grande esperienza con ogni tipo di canoa.

Il Kayak Ouassou si è rivelato subito molto maneggevole, grazie anche alla chiglia leggermente marcata e ai bordi laterali che gli conferiscono una buona stabilità direzionale e presa di taglio fra le onde. Ottimo il suo comportamento sia in condizioni di acqua piatta che di mare con onde formate, nelle quali il kayak complice la forma particolare della carena, riesce a surfare senza grossi problemi. Anche la risalita dopo un tuffo in acqua si effettua senza difficoltà, e questa non è cosa da poco. Il controllo del mezzo è favorito anche dal pozzetto ergonomico che offre i puntapiedi integrati, oltre l'attacco del premicosce che se da un lato favorisce un valido appoggio per contrastare il rollio, dall'altro per ovvi motivi di sicurezza non è consigliabile fissarle nel classico modo, cioè è preferibile non fasciare la coscia ma lasciarla libera (vedi foto sotto: la coscia destra fissata normalmente, mentre la coscia sinistra è libera).

Ovviamente il "Ouassou" della BIC non essendo stato concepito per il salvataggio, prima di utilizzarlo nella nostra postazione di salvataggio, abbiamo provveduto a renderlo ancora più efficiente, aggiungendo semplicemente lungo i bordi una cima galleggiante tientibene e la scritta rescue. Di sicuro se utilizzato da una persona capace di governarlo, (perchè è comunque necessaria un minimo di preparazione e tecnica) utilizzando la pagaia della giusta misura, il kayak risulta di gran lunga molto più veloce di un pattino sia nella navigazione che nell'approntamento (pesa infatti solo 18 Kg !!).

Anche se la visibilità non è paragonabile a quella che si ottiene stando in piedi su un pattino, utilizzato come unità di sorveglianza in mare in condizioni di mare calmo, il kayak offre il vantaggio di poter essere manovrato facilmente da un solo bagnino "infiltrandosi agevolmente" anche in zone di alta concentrazione di bagnanti, prestando un valido sostegno sia al nuotatore stanco o a chi magari viene colpito da un improvviso crampo. Il bagnino può inoltre manovrarlo calzando le pinnette e tenendo tra le coscie, appoggiato nel pozzetto un bay watch nel caso ci fosse bisogno d' intervenire a nuoto. Il sedile che si trova a prua progettato per il trasporto di un bambino, potrebbe poi essere trasformato in un comodo gavone chiuso da un coperchio stagno per contenere attrezzature di soccorso, quali la maschera oronosale di rianimazione, il binocolo ecc.

Concludendo il Kayak OUASSOU della Bic è risultato un valido supporto al classico e comunque insostituibile pattino di salvataggio.

Scheda tecnica del Kayak che abbiamo provato:
Lunghezza: 2.60 mt / Larghezza: 0.78 mt / Peso: 18 Kg
Carico massimo: 110Kg
Materiale: politilene termoforato
Equipaggiamento: 1 porta borraccia, sedile ergonomico ricoperto di schiumato, sedile bambino ricoperto di schiumato, puntapiedi integrati, 2 fori autosvuotanti, fissaggi premicosce e schienale
Accessori di serie: maniglie di trasporto integrate, agganci premicosce
Optional: pagaie, gilet, schienali, premiciscie, borraccia.

Per maggiori informazioni sul prodotto:www.bicsportkayaks.com


segnalato da: google - altavista - virgilio - msn - yahoo - lycos - supereva - tiscali - arianna - libero - excite - alltheweb - teoma - dmoz
© Copyright 2012 S.N.S. Isola d'Elba - vietata qualsiasi riproduzione anche parziale