AED LIFELINE LA SICUREZZA NELLA DEFIBRILLAZIONE
HOME PAGE
HOME PAGE
Diventa nostro Fan

Estate Sicura

Download modulistica

Statistiche visite
Credits

 

International Maritime Rescue Federation

 


Informazioni turistiche sull'Isola d'Elba

L’esigenza primaria di unitarietà negli indirizzi della pianificazione di emergenza, per evitare particolarismi locali nei metodi e per utilizzare un linguaggio comune in caso di calamità, ha portato il Dipartimento della Protezione Civile all’elaborazione di un metodo di pianificazione chiamato Augustus e alla conseguente formazione di volontari esperti nella predisposizione di piani comunali e/o intercomunali di emergenza atti a fronteggiare eventi calamitosi con il preciso scopo di ridurre al minino i danni.

Per questo motivo 27 Istruttori della Società Nazionale di Salvamento sono stati convocati al corso per volontari esperti in pianificazione e gestione delle emergenze con riferimento alla sicurezza in mare, svoltosi dal 23 al 28 giugno presso il Centro formazione della Protezione Civile a Castelnuovo di Porto (Roma), tra cui per la Toscana era presente il direttore della sezione dell'Isola d'Elba, Mazzei Stefano.

Una settimana intensa durante la quale gli esperti e i dirigenti del Dipartimento della Protezione Civile, hanno illustrato il metodo Augustus, che oltre a rappresentare una base comune di pianificazione dell’emergenza a seconda dei rischi che insistono sul territorio, delinea con chiarezza un sistema di lavoro semplice nell’individuazione e nell’attivazione delle procedure per coordinare con efficacia la risposta di protezione civile locale, provinciale, regionale e nazionale.

Con il Metodo Augustus si è infatti eliminata l’obsoleta concezione di considerare i piani di emergenza come lunghe liste di materiali e mezzi, senza una precisa finalità derivante dalla non conoscenza dello scenario.

A seguito dell’entrata in vigore del 112/98, gli enti locali sono oggi chiamati a svolgere funzioni fondamentali dell’attività di protezione civile, quali l’attuazione dei compiti di previsione e degli interventi di prevenzione; la predisposizione dei piani comunali di emergenza; la gestione dei primi soccorsi e interventi urgenti; la predisposizione di strutture di emergenza; l’utilizzazione del volontariato.

Tra questi il Comune è, tra i diversi soggetti, certamente quello più coinvolto e che porta maggiori responsabilità gestionali in occasione delle emergenze: per questo conta e rischia molto più degli altri referenti. Infatti la normativa nazionale (legge 24.2.1992 n. 225) assegna competenze e responsabilità del tutto personali al Sindaco quale massima autorità locale in materia di protezione civile e di tutela della popolazione.

Tra l’altro, oltre a guidare e coordinare la macchina comunale, a dare indirizzi per la pianificazione d’emergenza e a preservare la cittadinanza dai pericoli, il Sindaco è chiamato oggi a curare puntualmente l’informazione sui rischi e la divulgazione dei piani comunali e provinciali.

Oltre al sindaco anche la Comunità Montana ”unione di Comuni montani e parzialmente montani” per la “gestione associata sovracomunale di funzioni e servizi, con un organo rappresentativo ed uno esecutivo composti da sindaci assessori e consiglieri dei comuni” (D.L.vo 267/2000); sempre ai sensi della 225/92 art. 6, è una componente del Servizio Nazionale della Protezione Civile in quanto provvede secondo il rispettivo ordinamento e le rispettive competenze “all’attuazione delle attività di protezione civile”.

In un territorio che comprende comuni montani soggetti ad eventi calamitosi è opportuno che la Comunità Montana realizzi un servizio associato di protezione civile, a favore soprattutto dei comuni più piccoli con poche risorse economiche e strutturali.

L’attività si configura nell’organizzazione di una Sala Operativa Unificata per la gestione dell’emergenza e di una pianificazione intercomunale di emergenza secondo il tipo di rischio, realizzata sulla base degli indirizzi regionali (D.L.vo 112/98 art. 108).

La protezione civile è uno dei servizi indispensabili per i comuni (D.M. 28/05/1993,art. 1) e deve essere svolto in modo continuativo e costante anche in tempo ordinario con lo svolgimento delle attività di previsione, prevenzione, pianificazione e gestione dell’emergenza.

Lo scopo fondamentale del “servizio associato di protezione civile” della Comunità Montana è fornire un valido supporto nelle attività di previsione e prevenzione, pianificazione e gestione dell’emergenza a livello comunale ai Sindaci (D.L.vo. 112/98 art. 108), autorità di protezione civile (L. 225/92, art. 15) responsabili, nel proprio territorio, del soccorso e della salvaguardia di tutti i cittadini in caso di evento calamitoso.

La Comunità Montana inoltre aiuta a veicolare le decisioni operative attuate a livello provinciale mediante il Centro Coordinamento Soccorsi (C.C.S.), configurandosi come un vero e proprio Centro Operativo Misto (C.O.M.).

Documentazione del Dipartimento Protezione Civile Nazionale
Metodo Augustus (pdf 572 kb) - Ruolo del Sindaco (pdf 58 Kb)
Comunità Montane (pdf 318 Kb)

D.L.vo 112/98 art. 108 (pdf 61 Kb) - Legge 24.2.1992 n. 225 (pdf 75 Kb)


segnalato da: google - altavista - virgilio - msn - yahoo - lycos - supereva - tiscali - arianna - libero - excite - alltheweb - teoma - dmoz
© Copyright 2012 S.N.S. Isola d'Elba - vietata qualsiasi riproduzione anche parziale